Il Presidente Napolitano: «Rispettare il Tricolore è un dovere per chi ha ruoli di governo»

17 marzo 2011

Matteo Salvini

La Lega nord vittima di una contestazione nelle strade della 'sua' Milano. A tal punto che i leghisti riuniti simbolicamente "a lavorare" in piazza della Scala sono stati costretti a sloggiare: il loro banchetto e' stato rimosso dalle forze dell'ordine per motivi di ordine pubblico.
L'iniziativa promossa da Matteo Salvini e da una decina di esponenti del Carroccio che - in aperta polemica con le celebrazioni del 150mo anniversario dell'unita' d'Italia - hanno piazzato le loro scrivanie di fronte a palazzo Marino per dimostrare di essere al lavoro anche in un giorno di festa nazionale, non e' dunque piaciuta ai milanesi.
Non è piaciuta neppure l'idea di distribuire ai passanti bandiere con la croce di San Giorgio, simbolo di Milano divenuto una delle icone del Carroccio. 
Diversi cittadini comuni, di passaggio in piazza della Scala, hanno bersagliato i leghisti con rumorosi "vergogna", altri hanno rilanciato con slogan come "viva l'Italia", qualcuno ha anche azzardato: "fuori la lega dallo stato". 
Quanto e' bastato per far intervenire ai difesa dei militanti del Carroccio un cordone di agenti delle forze dell'ordine in tenuta antisommossa. 
Alla fine per l'ufficio mobile allestito dal Carroccio sotto palazzo Marino e' stata rimozione forzata.

Dopo aver dato buca all'Annunziata ed essere stato silurato da Bossi per il ruolo di vicesindaco a Milano, il prode Matteo Salvini si concede pure al pubblico ludibrio della piazza.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

saivini non è come il trota ,pesce pregiato.Il povero matteo è come il siluro pesce della cloaca

attilio, Italiano, lombardo NON legaiolo ha detto...

il prossimo candidato ad uscire (espulso?) dalla Seganord è già pronto a rivelare i segreti di via belleiro e di bossi ???

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...

Salvini e la lega nord sono in cerca di un capro espiatorio su cui proiettare il loro senso d'inferiorità e varie frustrazioni sessuali....compatiamoli!